Non è detto che un appartamento vecchio debba essere scartato: infatti, con una giusta ristrutturazione, una casa acquista nuova vita e grazie a nuovi elementi d’arredo, infissi, e nuovi pavimenti, darà l’idea di essere un appartamento fresco e moderno, ecologico e di classe.

In particolare, un appartamento particolarmente datato avrà caratteristiche diverse ad uno moderno, dovute alla diversa mentalità del periodo in cui è stato realizzato: avrà quindi meno finestre, oppure tante ma di dimensioni ridotte, nonché zone particolarmente buie. Ecco, quindi, il perché della scelta del bianco, colore che è stato unito ad altre tonalità chiare in linea con lo stile minimal e tipicamente scandinavo.

Perché chiaro è meglio

Scegliere tonalità chiare per un appartamento è una scelta efficace da più punti di vista. A livello strutturale, come detto, migliora la luminosità della casa, elemento spesso dolente quando si parla di appartamenti particolarmente vecchi. In questo caso, per esempio, abbiamo migliorato la luminosità di tutti gli ambienti non solo verniciando le pareti di bianco e scegliendo un parquet bianco avorio, ma anche unendo la sala alla cucina eliminando la porta creando un’idea di continuità.

L’ambiente della cucina, in particolare, si è rivelato il più difficile per via della sua posizione sfavorevole: l’ambiente è infatti in un punto cieco della casa, privo di finestre e infissi. Proprio per questo, anche per aumentare il senso di continuità appena detto, abbiamo realizzato una finestra interna, che dalla cucina affaccia direttamente sulla sala. Questa, unita all’eliminazione della porta lasciando solo gli stipiti, permette a molta più luce di illuminare l’ambiente, che quindi risente meno della sua posizione sfavorevole rispetto al resto della casa.

La sala, invece, non aveva questo problema essendo la zona dell’appartamento più grande e dotata di più infissi: in questo caso, la scelta del bianco permette di amplificare e assorbire tutta la luce che entra, valorizzandola e anzi permettendo così di illuminare meglio anche le altre zone della casa.

Giocare di contrasto, ma senza esagerare

L’altro grande problema dell’appartamento è il bagno, anch’esso di solito dotato di una sola finestra spesso piccola. Ecco perché abbiamo deciso di non cambiare colore alla pavimentazione, lasciando lo stesso bianco avorio degli altri ambienti, che anzi abbiamo esaltato giocando di contrasto: se i sanitari sono nel classico bianco, il muro è stato rivestito di mattonelle in gres porcellanato grigio.

Un contrasto più netto e rimarcato sarebbe sicuramente derivato dalla scelta di rivestire le pareti del bagno con delle piastrelle nere, ma questa opzione avrebbe fatto venir meno l’obiettivo di tutta la ristrutturazione, ovvero dare più luce alla casa. Mattonelle in grigio, invece, permettono di ottenere una via di mezzo, assorbendo anche loro della luce ma nello stesso tempo risaltando il pavimento e i sanitari, per un effetto semplice, minimal, ma molto pulito ed elegante.

Lo stesso gioco di luci e contrasti, del resto, lo abbiamo anche nella cucina: come detto, rimane l’ambiente più in ombra dell’appartamento. Anche in questo caso, quindi, nella scelta dei mobili non siamo voluti andare sul più gettonato nero lucido, ma lasciare il bancone in bianco lucido, in contrasto con un legno brunito che riprende lo stesso concetto di semplicità ed eleganza voluto per il bagno.

Imitare le stelle

Da non sottovalutare il soffitto, dove per dare un po’ di originalità in più abbiamo deciso di installare non il classico lampadario ma dei faretti sparsi per tutta la superficie, anche regolabili nell’intensità. Questa scelta permette di avere degli effetti molto particolari, perché con il buio dell’esterno e con un’intensità non elevata, rende l’ambiente lounge e simula la presenza delle stelle, anche in questo caso per merito della verniciatura bianca e del bianco della pavimentazione. Ideale per alcuni party speciali, come feste di compleanno, o per vedere un film in compagnia di persone care.

Leave a Reply