Cosa occorre valutare nella scelta di un gres effetto cemento

Negli ultimi anni il cemento ceramico ha conosciuto un enorme successo, complice l’aumento delle dimensioni delle lastre reso possibile dalle nuove tecnologie produttive. Del cemento piace il richiamo allo stile metropolitano (che talvolta vira su declinazioni più industrial); piacciono i colori, neutri e materici, e poco impegnativi a livello di abbinamenti; e piacciono le superfici opache, morbide o più strutturate. Molti cementi (anche tra quelli che abbiamo in gamma) sembrano infatti conservare traccia, attraverso l’evaporazione dell’acqua, del processo di fisiologica stagionatura della materia, sulla quale restano talvolta tracce della mano dell’uomo: alcuni simulano la spatolatura a mano del cemento colato (come Cemento Handmade); altri, come Cemento Formwork, ricreano alla perfezione l’impronta lasciata dalle assi di legno della cassaforma all’interno della quale, in campo edilizio, il cemento viene versato. Una cosa è certa: nessun materiale ceramico come il cemento ha un utilizzo tanto trasversale, rivelandosi perfetto sia per ambienti residenziali che commerciali.

Cosa determina il prezzo di un cemento ceramico

Abbiamo menzionato il dilatarsi dei formati: ecco un primo fattore che condiziona il prezzo del gres porcellanato effetto cemento. Per sua natura infatti il cemento è una superficie continua, al contrario di un pavimento in ceramica che non può prescindere da un certo numero di fughe date dal distanziamento (minimo ma comunque indispensabile) delle singole piastrelle posate. I formati maggiori (come l’80×80, il 90×90, il 100×100 e addirittura l’80×180 di Cemento Satinato Wave) riducono drasticamente il numero delle fughe, portando un pavimento in gres effetto cemento verso quella continuità di superficie che è tipica del cemento colato. Un altro importante fattore di prezzo è la rettifica dei bordi, ovvero la squadratura della piastrella cotta, operazione che assegna al medesimo lotto produttivo le medesime misure (precise al millimetro) per ciascun lato. E che apporta un altro grande vantaggio estetico al pavimento finito: fughe di larghezza molto ridotta, sempre per ricercare la continuità visiva di una superficie unica.

SILVER_GRES_PORCELLANTP_EFFETTO_CEMENTO_EMOTION

Estetica minimale e contemporanea

È indubbio che il cemento appartiene ormai a una categoria estetica a sé. Il materiale architettonico che più ha caratterizzato il Novecento si presta oggi a numerosissime interpretazioni, ora più raffinate e minimali, ora più grezze e segnate dal tempo e dall’usura. In comune resta un potente richiamo al concetto di architettura, presa nelle sue espressioni più “strutturali”, e un legame più o meno marcato con l’immaginario urban-industrial che il secolo scorso ha reso iconico. Nelle sue declinazioni più equilibrate il cemento ceramico è in un certo senso già un classico: una superficie (e spesso una paletta colori) fresca e discreta, trasversale e facile da abbinare con la maggior parte degli arredi e dei complementi, e con qualsiasi gres porcellanato effetto legno, qualunque sia il formato di doga ceramiche che avete scelto.

GRES PORCELLANATO EFFETTO CEMENTO FORMWORK

Se per il rivestimento bagno e doccia avete in mente il cemento

Sfatiamo un mito duro a tramontare: non è vero che in un ambiente piccolo, come può essere il bagno, debbano essere impiegati formati di piccole dimensioni, né a pavimento né a rivestimento. Forse è più vero il contrario: più fughe abbiamo più quell’ambiente risulterà frammentato e quindi più piccolo – a meno che non si stia parlando di mosaico, di listelli o di piccoli formati molto colorati o molto decorati. Tornando al cemento, che abbiamo detto prediligere formati piuttosto grandi, esso può benissimo essere utilizzato per rivestire il bagno, in particolare per un tipo di rivestimento oggi molto di tendenza di cui abbiamo già parlato: il rivestimento bagno basso. Una sola fila di lastre 60×120 di cemento ceramico (a parte nella doccia) e il gioco è fatto: ecco raggiunta e superata l’altezza del lavandino. Ed ecco coniugate le esigenze di praticità del rivestimento ceramico e quelle estetiche di un ambiente che oggi chiede sempre più di essere arredato come qualunque altra stanza della casa.

Leave a Reply